I nuovi media e benessere degli adolescenti in Ticino

Siete connessi?

Questo progetto Agora mira a sottolineare l’importanza di un uso consapevole dello smartphone, specie tra bambini e adolescenti. Il progetto prenderà come riferimento i risultati dello studio MEDIATICINO2.0, finanziato dal Fondo nazionale svizzero, e proporrà tre tipi di attività per promuovere un uso consapevole dello smartphone: un Atelier settimanale per gli studenti delle scuole elementari e medie; una serie di incontri in “Piazza” in cui le ricercatrici entrano in dialogo con i cittadini per parlare dei risultati principali della loro ricerca sui giovani e i nuovi media; e infine una tavola rotonda, in collaborazione con il Lugano Living Lab, che sarà ripetuta ogni anno durante l’autunno digitale.

Oggi, lo smartphone è diventato un compagno indispensabile nella nostra vita, soprattutto nella popolazione più giovane. Esso ci offre un mondo immenso di contenuti e possibilità, che possono essere sia positivi che dannosi. Inoltre, la presenza ubiquitaria dello smartphone ha cambiato il nostro modo di vivere e interagire con l’ambiente e le persone, creando – a volte – momenti di divertimento nel condividere un’esperienza online, o viceversa, momenti di conflitto. Tutto ciò sta a sottolineare l’importanza di un uso consapevole dello smartphone. Questo è lo scopo del progetto Agorà VERSO L’USO CONSAPEVOLE DELLO SMARTPHONE TRA BAMBINI E ADOLESCENTI, finanziato dal Fondo Nazionale per la Ricerca, e gestito dalle ricercatrici Dr. Anne-Linda Camerini e Laura Marciano dell’Istituto di Salute Pubblica, in collaborazione con L’Ideatorio. Il progetto inizierà in autunno 2021 e ha una durata di due anni. Prendendo come riferimento i risultati della ricerca MEDIATICINO2.0, all’interno dell’Agorà sono proposte tre tipi di attività per promuovere un uso consapevole dello smartphone. Un ATELIER settimanale di due ore per gli studenti delle scuole elementari e medie presso la sede dell’ideatorio a Cadro, in cui gli studenti, tramite un approccio giocoso e collaborativo, vengono stimolati ad applicare un senso critico verso l’uso dello smartphone. Una serie di CAFFÈ DI CONOSCENZA in cui le ricercatrici entrano in dialogo con i cittadini per parlare dei risultati principali della loro ricerca sui giovani e i nuovi media. Infine, una TAVOLA ROTONDA, in collaborazione con il Lugano Living Lab, che sarà ripetuta ogni anno durante l’autunno digitale. Inoltre, sempre con il Lugano Living lab, è prevista una stretta collaborazione per sviluppare contenuti e coinvolgere i cittadini di Lugano in attività inerenti l’uso di nuove tecnologie all’interno del #digitaleconsapevole. L’Agorà viene supportato da numerose organizzazioni sul territorio, incluse la Città di Lugano, il Centro di risorse didattiche e digitali del DECS, la Conferenza cantonale dei genitori, il Lugano Living Lab, e la Science et Cité.